La Stazione spaziale internazionale in subappalto

La Stazione spaziale internazionale in subappalto

Agosto 15, 2019 - 06:28

Entro il 2028, la Stazione sarà smantellata, distruttura o riutilizzata parzialmente. Intanto, la Nasa ha aperto la porta ai privati. 

La Stazione spaziale internazionale, in orbita attorno alla Terra dal 20 novembre 1998 (a 400 km di quota), è considerabile quale l'ultimo avamposto dell'umanità. Fino al 2024, la Stazione sarà certamente funzionante, ma poi - entro il 2028 - dovrà essere smantellata, distrutta o riutilizzata in maniera parziale. 
 
Secondo quanto riportato da Wired, il budget della Nasa (che gestisce la stazione assieme alla russa Rka, all'europea Esa, alla giapponese Jaxa e alla canadese Csa) avrebbe “incluso delle proposte per terminare il finanziamento della Stazione spaziale internazionale entro il 2025, lasciando però aperta la porta a un eventuale affitto ad agenzie private". Insomma, per la Stazione spaziale internazionale non si esclude il subappalto.
 
Indipendentemente da quello che sarà il futuro della Stazione spaziale internazionale, le grandi agenzie spaziali hanno già in programma la creazione di un erede dell'avamposto attuale. In Cina, il programma Tiangpong dovrebbe dar vita alla Chinese Large Modular Space Station. Negli USA, invece, la Nasa sta lavorando a Deep Space Gateway.