L'allievo di Micocci canta "Heidi"

L'allievo di Micocci canta "Heidi"

Dicembre 26, 2019 - 00:06
Posted in:

Fiorello nel suo programma "Viva Rai Play" (visibile solo sul sito della Rai, Rai Play) lo scorso 18 dicembre ha ospitato due "mostri sacri" della musica italiana: Antonello Venditti e Francesco De Gregori. I due artisti sono "figli" di uno dei più grandi talent scout della musica italiana, Vincenzo Micocci. E Fiorello nella sua trasmissione riesce a far cantare a Venditti la canzone sigla del cartone animato che ha fatto conoscere la Svizzera in tutto il mondo…

Nel suo esperimento televisivo, che non va in onda in televisione, bensì su internet, per la precisione sul sito della Rai, Fiorello e la sua "Viva RaiPlay" cercano di intrattenere il pubblico internauta con ospiti molto amati dal pubblico italiano.
 
Una decina di giorni fa il buon Rosario ha voluto ospitare nel suo programma di Rai Play le due massime icone della "scuola romana" del cantautorato italiano: Francesco De Gregori e Antonello Venditti. 
 
I due cantautori romani hanno iniziato la carriera assieme, poi per anni hanno percorso strade che non si sono più incrociate, fino a quando, a inizio anni 2000, Venditti diede alla stampe alla Bmg il disco "Che fantastica storia è la vita", che contiene come secondo brando dell'album "Io e mio fratello", dove Venditti dopo un trentennio torna a cantare con De Gregori. 
 
I due artisti romani (anche se De Gregori ha passato la sua infanzia a Pescara, mentre Venditti ha avuto il padre vicequestore di Roma, ma di origine molisane) sono nati e cresciuti in quel grande laboratorio di Trastevere che era il "Folk Studio" ed entrambi sono stati prodotti e portati al successo da quel produttore romano che all'anagrafe si chiamava Vincenzo Micocci (a cui il milanese Alberto Fortis dedicherà la canzone "Vincenzo io ti ammazzerò"). 
 
Vincenzo Micocci ha poco a che vedere con colei che nel nostro Cantone nel 2015 si è candidata al Consiglio di Stato come Natalia Ferrara Micocci, dopo aver fatto il magistrato per pochi anni (l'inchiesta Pramac qualcuno se la ricorda?) e che arrivò solo terza sulla lista dell'ex partitone, infrangendo i sogni di entrare in Consiglio di Stato (il 20 ottobre 2019 non è andata tanto meglio per il Consiglio nazionale, dove anche in questo caso è arrivata solo terza, nonostante essersi riconvertita a scrittrice-saggista e conferenziera).
 
Vincenzo Micocci invece è stato uno dei più grandi talent scout della musica italiana, producendo artisti come Edoardo Vianello, Nico Fidenco, la "svizzera" Rita Pavone, Ornella Vanoni, l'Equipe 84, ..., ma soprattuto Ennio Morricone, Edoardo Bennato, Rino Gaetano e appunto Venditti e De Gregori.
 
Quest'ultimi due al "Folk Studio" avevano conosciuto la cantautrice Giovanna Marini (artista molto conosciuta anche in Ticino, tanto da aver fatto tappa anche al Ceneri), che li ha indirizzati verso Micocci, facendo sbocciare le loro rispettive carriere. 
 
Fiorello da grande "animale da palcoscenico" ha voluto un po' "mimare" e far rivivere l'atmosfera del "Folk Studio", dando agli internauti di Rai Play la possibilità di vedere una trasmissione che è semplicemente una "chicca". 
 
Buona visione.