Lavoro: i posti liberi si sono dimezzati in Ticino

Lavoro: i posti liberi si sono dimezzati in Ticino

Agosto 25, 2020 - 13:46
Posted in:

Il numero di impieghi nel secondo trimestre 2020 è calato in Ticino del 2,9%, a fronte del 0,6% nazionale. Nel terziario la flessione è stata del 3,3%. Dimezzati i posti liberi rispetto al secondo trimestre 2019. 

Il Ticino è “pecora nera” nei dati forniti oggi dall’Ufficio federale di statistica, relativi all’occupazione nel secondo trimestre 2020. Il numero di impieghi in Ticino nel secondo trimestre a registrato una flessione del 2,9% rispetto allo stesso trimestre del 2019, passando da 229’000 a 270’000 posti (rispetto al trimestre precedente la contrazione è stata del 1,4%) . In particolare il settore terziario ha visto un calo del 3,3% su base annua (da 182’000 a 175’000 impieghi). A livello nazionale il calo è stato del 0,6% rispetto allo stesso trimestre dell'anno scorso e del 1,1% rispetto ai primi tre mesi dell'anno, portando il totale degli impieghi nel secondo trimestre a 5,01 milioni.

A fare meglio fra le macro regioni indicate dall’Ufst è quella di Zurigo, che ha registrato nel secondo trimestre su base annua un calo dello 0,1%, e addirittura un aumento del 0,3% nel settore terziario. Il Ticino fa meglio nel settore secondario, dove il calo su base annua è stato dell’1,8% (da 52’000 a 51’000 impieghi), a fronte del 2,4% di Zurigo.

Per quanto riguarda i posti liberi nel secondo trimestre 2020, l’Ufst indica un calo di -26,9% rispetto allo stesso trimestre del 2019 (61’100 posti liberi) in Svizzera. In Ticino il calo dei posti liberi nel secondo trimestre è stato del 50,3%, da 2’200 a 1’100 posti liberi. Le altre regioni variano da un -18,5% a un -33,5% di flessione di posti liberi. Il Ticino inoltre registra un tasso dello 0,5% di posti liberi sul totale degli impieghi, anche qui il dato peggiore su scala nazionale (tutte le altre macro regioni superano l'1%).