Le aziende svizzere contro la plastica

Le aziende svizzere contro la plastica

Agosto 07, 2019 - 06:10

Tra le principali aziende svizzere, vi è chi si sta impegnando a bandire l'utilizzo di plastiche dai propri uffici e luoghi di ristoro. 

Novartis sta progressivamente bandendo le bottiglie di PET e i bicchieri di plastica, a cominciare dal proprio campus di Basilea. Tutti i piani di ogni edificio della sede di Basilea è stato dotati di rubinetti per l'acqua potabile, dai quali i dipendenti potranno decidere se servirsi di acqua liscia oppure gassata. Per servirsi, però, niente plastica, ma soltanto bicchieri e bottiglie in vetro. Stando a quanto riportato dal portale svizzero Watson, in futuro anche i ristoranti del personale non faranno più uso di contenitori di plastica. Analoga sorte per le altre sedi dell'impresa farmaceutica. 
 
Novartis, però, non sembra essere l'unica azienda ad aver deciso di dire addio alla plastica. UBS, infatti, ha recentemente annunciato di voler vietare i bicchieri in plastica per il caffè. Nestlé, invece, si sta impegnando a eliminare la plastica monouso, da tutti i suoi 4'200 siti sparsi per il mondo. A non aver vietato il PET è Credit Suisse, il quale - però - ha fatto già diramato delle prescrizioni per le proprie strutture di ristorazione, riguardanti l'utilizzo di stoviglie riutilizzabili all'interno. Qualora ciò non fosse possibile, la banca si impegna a utilizzare contenitori monouso biodegradabili.