Lega: "Premi di cassa malati: cittadini ticinesi ancora depredati con la complicità del Consigliere federale socialista Alain Berset"

Lega: "Premi di cassa malati: cittadini ticinesi ancora depredati con la complicità del Consigliere federale socialista Alain Berset"

Settembre 22, 2020 - 15:40
Posted in:

Riceviamo e pubblichiamo. Comunicato stampa della Lega dei Ticinesi. 

La Lega dei Ticinesi prende atto con sconcerto dell’ennesimo aumento dei premi di cassa malati. Per il Ticino è infatti stato annunciato un rincaro del 2.1% per l’anno 2021.

Questo aumento – a quanto pare, il più importante della Svizzera! -  è assolutamente ingiustificato. Le riserve degli assicuratori malattia, infatti, superano i 10 miliardi di Fr; il che significa un esubero, rispetto al minimo già conteggiato in maniera assai generosa, di almeno 6 miliardi.

Inoltre, nella prima metà dell’anno in corso, a seguito della pandemia da coronavirus le casse malati hanno risparmiato rispetto a quanto preventivato, dal momento che la medicina “non covid” operava a ritmi ridotti. E non sarà possibile recuperare nella seconda metà dell’anno gli interventi che non sono stati effettuati nella prima.

Aumentare i premi in simili circostanze è scandaloso ed inaccettabile. A maggior ragione in tempo di crisi economica (provocata dal coronavirus). E’ inaudito che il Consigliere federale Alain Berset, PSS, si renda complice di un simile gioco. Ed è quanto meno curioso che il partito socialista, sempre pronto a sciacquarsi la bocca con l’aumento dei premi di cassa malati, non abbia nulla da dire a proposito dell’operato del proprio ministro: i compagni sono troppo impegnati a protestare (?) affinché vengano rilasciati permessi B e C senza alcun controllo per occuparsi di una delle principali voci di spesa delle economie domestiche ticinesi?

La Lega dei Ticinesi si aspetta che il Consiglio di Stato non accetterà supinamente questo ennesimo e crassamente ingiustificato aumento dei premi di assicurazione malattia in tempo di crisi, e lo esorta a farsi valere con energia nei confronti della Confederazione, ed in particolare del Dipartimento dell’interno “targato” PSS.

 

Lega dei Ticinesi