L'Europa che non ricicla

L'Europa che non ricicla

Ottobre 02, 2015 - 06:11

Secondo uno studio in Europa il 65% dei rifiuti elettronici non viene riciclato. 

In Europa la maggior parte degli apparecchi elettronici usati, come telefonini, televisori, computer ed elettrodomestici, non vengono riciclati. Invece di finire negli appositi centri di raccolta per un corretto riciclo 6,2 tonnellate e 9,5 milioni di prodotti totali, nel 2012, sono finiti nella spazzatura o sono stati esportati o riciclati in maniera non corretta. La perdita per il mercato legale del riciclo di metalli preziosi è stimata fra gli 800 milioni e gli 1,7 miliardi di euro all'anno. Lo studio Countering WEEE Illegal Trade riguarda i 28 paesi dell'Unione Europea più la Norvegia e la Svizzera, ed è stato coordinato dall'Interpol. Oltre ai danni dal profilo economico vi sono anche potenziali rischi per la salute: uno studio del 2014 aveva evidenziato i pericoli di cancro, danni epatici e renali e ritardi nello sviluppo mentale legati ad alcune sostanze tossiche presenti in questi rifiuti, come il mercurio e il piombo.
Gli studiosi, pur non avendone le prove, sospettano il coinvolgimento del crimine organizzato nella cattiva gestione di questi rifiuti.