Lo “sciamano” patteggia

Lo “sciamano” patteggia

Settembre 04, 2021 - 12:51
Posted in:

Jacob Chansley, lo “sciamano” dell’assalto al Congresso Usa del 6 gennaio, si è dichiarato colpevole di intralcio alla giustizia. Rischia fino a quattro anni.

Immagine: Wikipedia

Jacob Chansley, noto anche come Jake Angeli, uno dei leader dell’assalto al Congresso statunitense avvenuto lo scorso 6 gennaio, si è dichiarato colpevole davanti ai giudici. L’uomo, sostenitore della teoria "QAnon", le cui immagini, vestito da sciamano, hanno fatto il giro del mondo, ieri ha patteggiato una condanna dichiarandosi colpevole di intralcio alla giustizia durante l’occupazione del Congresso Usa. La sua pena sarà decisa in un’udienza il prossimo 17 novembre e dovrebbe andare dai 41 ai 51 mesi. 

Chansley era stato arrestato pochi giorni dopo l’assalto e su di lui pendevano le accuse di turbamento della quiete pubblica, intralcio alla giustizia e di aver provocato disordini. Recentemente il suo avvocato ha dichiarato che soffre di problemi mentali. 

Ad ora circa 50 persone delle 600 incriminate per l’assalto al congresso si sono dichiarate colpevoli di reati minori. Due settimana fa è stato invece scagionato l’agente che aveva sparato, uccidendola, una manifestante.