Lorenzo Quadri sta con Morena Ferrari Gamba &Co. Pessina no

Lorenzo Quadri sta con Morena Ferrari Gamba &Co. Pessina no

Aprile 02, 2020 - 22:42
Posted in:

Il già presidente della sezione Plr di Lugano si scaglia contro tre consiglieri comunali, "rei" di aver chiesto di sospendere la tassa sul sacco, viste le disposizioni dello Stato Maggiore. Lugano "fa da sé" e piazza la data per la votazione sull'aeroporto il 28 giugno...

Il già presidente della sezione Plr di Lugano, Aldo Pessina, uomo di polizze e assicurazioni, sui social ha "stroncato" tre consiglieri comunali Plr di Lugano, Morena Ferrari Gamba, Luca Cattaneo e Rupen Nacaraglou, rei di aver interrogato il Municipio di Lugano, sulla possibilità di sospendere la tassa sul sacco, visto che gli ecocentri sono chiusi e molte famiglie non possono più fare la separazione dei rifiuti, obbligati a mettere tutti i rifiuti nel sacco di color rosso.

Secondo Pessina "l'umido nel sacco non è questo gran problema e non conoscere le disposizioni municipali sulla raccolta dei rifiuti è una svista clamorosa". Basta questo al già presidente Pessina per fargli scrivere che "...il mio orgoglio liberale è finito malamente nella spazzatura".

Come siamo delicati (cantava Gaber in "Mi fa male il mondo"). Ma a quelli che sarebbero la "costola" dei liberali (affermazioni storica pronunciata da un signore che sicuramente un vecchio liberale come Pessina non può che elogiare), ovvero la Lega, l'idea di Ferrari Gamba &Co piace, almeno stando all'ultima edizione del Mattino della Domenica, dove Lorenzo Quadri chiede la stessa cosa, ossia di sospendere la tassa sul sacco.

Ora si presume, che l'articolo apparso domenica sul Mattino rappresenti buona parte del pensiero dei leghisti luganesi (magari tranne qualche parente di Pessina, sempre preoccupato a far quadrare i conti), e dunque chi è contrario al provvedimento, i leghisti Borradori e Foletti, o i liberali Bertini e Badaracco?

Intanto noi per dovere di precisazione ricordiamo al già presidente sezionale del Plr di Lugano, che la questione non è solo dell'umido da mettere nel sacco, ma per disposizione dello Stato Maggiore di Condotta, qualsiasi rifiuto (pet, vetro, ecc) per chiunque abbia sintomi o il sospetto di aver contratto il coronavirus (vedi qui). Dunque una parte della popolazione, suo malgrado non può attuare la raccolta differenziata e dunque i sacchetti si riempiono più velocemente. Ricordiamo anche che le disposizioni dello Stato Maggiore di condotta sono superiori a quelle municipali.

 

 

**********

 

 

Il Municipio di Lugano ha deciso di "forzare" la mano (visto che il Consiglio di Stato ha deciso di posticipare la data della votazione referendaria sull'aeroporto di Lugano a data da definirsi) e ha scelto il 28 giugno. Il Presidente del Governo Christian Vitta e i consiglieri di Stato Norman Gobbi e Claudio Zali apprezzeranno questa "forzatura" del Municipio di Lugano?

Se il Consiglio di Stato ieri non ha stabilito una data per la votazione cantonale sull'aeroporto qualche ragione ci sarà? E i municipali di Lugano sono certi che l'emergenza sanitaria sarà rientrata a fine giugno (ovviamente ce lo auguriamo tutti, ma la certezza non c'è)?

Due settimane or sono, quando Berset ha annunciato che la votazione federale sulla libera circolazione sarebbe stata posticipata, non ha mai indicato una data certa in cui si sarebbe votato. E aveva esortato tutti i Cantoni a rinviare qualsiasi votazione. Si vede che a Lugano il Consigliere federale Berset, capo del Dipartimento federale dell’Interno, è poco tenuto in considerazione.

Ma se poi si dovesse ulteriormente posticipare la votazione sull'aeroporto per cause maggiori, che figura farebbe l'esecutivo luganese?

 

 

**********

 

 

Nel sopracitato post sui social del già presidente della sezione Plr di Lugano, Aldo Pessina, si elogiavano come statisti Ignazio Cassis e Christian Vitta. Bene. Il già presidente della sezione Plr di Lugano, sulla decisione di votare il 28 giugno, sta con il "suo" statista Vitta (che non ha definito una data per il referendum cantonale) o con i "suoi" municipali che vogliono votare il 28 giugno?