L'Uefa a rischio estinzione?

L'Uefa a rischio estinzione?

Novembre 01, 2020 - 18:59
Posted in:

Nel calcio europeo circola da tempo l'idea di istituire una superlega europea, nella quale far giocare i club più importanti del Vecchio Continente. Nel 2018, Football Leaks aveva addirittura reso pubblico un piano che vedeva coinvolto il Real Madrid. In questa rubrica, la superlega è un argomento che è stato affrontato più volte. Abbiamo ragionato sulle preoccupazioni del presidente del European Club Association (ECA) Andrea Agnelli (leggi qui), che prima ancora della pandemia di COVID-19 aveva sottolineato il rischio di recessione del business del pallone. Con la diffusione del coronavirus, nel calcio sono emersi problemi nuovi: dalle diatribe tra leghe nazionali e broadcaster, per il pagamento dei diritti televisivi già venduti; alle partite giocate a porte chiuse o con un numero limitato di spettatori, e quindi con una riduzione dei ricavi per i club, che non possono più vendere i biglietti delle partite come facevano fino a poco tempo fa. La COVID-19 ha quindi accelerato delle dinamiche del business del calcio, come avevamo provato a spiegare durante la prima ondata (leggi qui).

Ora il tema della superlega torna di grande attualità, in quanto - secondo alcune indiscrezioni di Sky News - ci sarebbe un progetto sostenuto anche dalla FIFA. Sembrerebbe trattarsi di qualcosa in più di un'idea, in quanto ci sarebbero già il nome del futuro campionato - European Premier League - una data di inizio, ovvero la stagione 2022/2023, e un finanziatore: la banca d'investimento JP Morgan, la quale sembrerebbe essere pronta a foraggiare la nascita della superlega europea con in prestito da 5 miliardi di euro.

Se un simile progetto dovesse andare in porto, è inevitabile che la Champions League non avrebbe più senso di esistere. Per la Uefa sarebbe un danno enorme, soprattutto considerando che se la futura European Premier League fosse direttamente sotto il controllo della FIFA, la Uefa e le federazioni nazionali degli attuali campionato più importanti del continente (Premier League inglese, Liga spagnola, Serie A italiana, Bundesliga tedesca e Ligue 1 francese) perderebbero i loro top club. Che tra FIFA e Uefa non corra buon sangue non è una novità. Lo avevamo scritto su Banditi e Campioni in aprile (leggi qui). Il fatto che la FIFA sembra possa mettersi direttamente in gioco per un nuovo format per i club europei, però, potrebbe voler dire che la torta si rimpicciolisce e che le federazioni continentali e nazionali potrebbero essere costrette a ridimensionarsi.

 

TM