"Maggioranza per più responsabilità delle imprese, ma niente maggioranza dei Cantoni"

"Maggioranza per più responsabilità delle imprese, ma niente maggioranza dei Cantoni"

Novembre 29, 2020 - 18:04
Posted in:

Riceviamo e pubblichiamo. Comunicato stampa del comitato d'iniziativa per multinazionali responsabili.

I promotori dell’Iniziativa per multinazionali responsabili sono soddisfatti della maggioranza popolare, ma delusi per non essere riusciti a vincere anche la maggioranza dei Cantoni. Oggi la lobby delle multinazionali ha prevalso, purtroppo anche grazie ad affermazioni false.

 

Le multinazionali sono riuscite a presentare all’opinione pubblica le PMI come particolarmente colpite dall’Iniziativa, anche se ne sarebbero state esentate. Contro il buon senso, la Consigliera federale Karin Keller-Sutter ha diffuso l’affermazione ingannevole dell'inversione dell'onere della prova, mentre l'agenzia di pubbliche relazioni FurrerHugi non solo ha fatto pubblicità mascherata da “controllo dei fatti“ sui portali Tamedia, ma ha anche diffuso il timore di un’ondata di cause legali come avviene in America – nonostante i numerosi ostacoli per intentare una causa civile presenti in Svizzera. Alla somma dei fatti, le tattiche di confusione della lobby delle multinazionali hanno purtroppo funzionato.

 

Grazie a decine di migliaia di volontari

Il ringraziamento degli iniziativisti va alle decine di migliaia di volontari che si sono dedicati a fondo a questa causa, arrivando a convincere la maggioranza popolare. Probabilmente nel nostro Paese non c'è mai stata una votazione per la quale così tante persone si sono impegnate.

Nonostante la delusione di oggi, la lobby delle multinazionali non può tornare indietro nel tempo: oggi più nessuno contesta il fatto che le aziende debbano rispettare i diritti umani e gli standard ambientali anche all'estero. Negli ultimi mesi, tutte le grandi aziende hanno promesso di garantire questo impegno; ora bisognerà verificare che ciò avvenga effettivamente.

Le rivendicazioni dell'Iniziativa per multinazionali responsabili verranno implementate

Per la maggioranza degli Svizzeri è ormai chiaro che il profitto non deve essere realizzato a spese delle persone o dell'ambiente. Ecco perché si è raggiunta la maggioranza popolare. Allo stesso tempo, sempre più paesi stanno approvando leggi sulla responsabilità aziendale. Gli iniziativisti sono convinti che sia solo una questione di tempo finché anche la Svizzera adotti quanto chiesto dall’Iniziativa per multinazionali responsabili. Le organizzazioni sostenitrici continueranno a fare tutto ciò che è in loro potere per raggiungere questo obiettivo.

 

Citazioni:

Dick Marty, co-presidente del comitato d’Iniziativa e già Consigliere agli Stati PLR:
"Sono deluso dal fatto che la strategia dei contrari di diffondere insicurezza nell’elettorato con affermazioni false abbia funzionato. Non è ancora chiaro cosa accadrà con la nostra coalizione. Oggi vorrei ringraziare in particolare i volontari: la campagna ha dimostrato che decine di migliaia di cittadini possono fare molto insieme - anche se oggi dobbiamo riconoscere che la lobby delle multinazionali è stata più forte. Tuttavia, l'impegno dei cittadini e la maggioranza popolare sono segnali incoraggianti. Continuerò a lottare per più giustizia".

 

Monika Roth, co-presidente del comitato d’Iniziativa e Prof. universitaria di diritto:
"Sono convinta che senza un controllo e un meccanismo efficace di responsabilità, le misure volontarie non sono sufficienti a garantire che tutte le aziende rispettino gli standard ambientali internazionali e i diritti umani. Il controprogetto indiretto non apporterà quindi alcun miglioramento. Ciò che è chiaro è che la forte coalizione per una maggiore responsabilità delle multinazionali continuerà a lavorare per garantire che tutti si attengano a un livello minimo di responsabilità in futuro".