Mizar. Qualcosa si muove

Mizar. Qualcosa si muove

Gennaio 18, 2020 - 10:12
Posted in:

Il centro di competenze in ambito biomedico nello stabile Mizar a Lugano potrebbe alla fine vedere la luce. Il progetto era rimasto in sospensione per qualche tempo, anche in seguito alle vicissitudini riguardanti il Cardiocentro, che doveva essere fra i protagonisti del progetto. 
 
Giovedì, stando a quanto riportato ieri dal Quotidiano della Rsi, il Municipio di Lugano ha rilasciato la licenza edilizia per la ristrutturazione degli spazi dello stabile a Molino Nuovo e l’assicuratore Swisslife, proprietario dello stabile, procederà con i lavori. L'acquisto dello stabile da parte della Città di Lugano e del Cardiocentro dovrebbe sarebbe invece un’ipotesi archiviata. Ad affittare gli spazi del centro di competenze alle aziende del settore sarà invece la Fondazione per le Facoltà di Lugano dell'Università della Svizzera italiana. Fra un paio di settimane la fondazione e Swisslife dovrebbero firmare l’accordo per l’utilizzazione degli spazi. 
 
Stando al rettore dell'Usi Boas Erez, interpellato dal Quotidiano, vi sarebbero “manifestazioni di interesse che potrebbero portare a un'occupazione al 100%" dello stabile.
 
Per quanto riguarda i 10 milioni inizialmente previsti quale investimento da parte della Città essi rimarranno nelle casse cittadine. La Città si limiterà a fornire una garanzia all'affittuario, ha spiegato il sindaco Marco Borradori al Quotidiano. Se il grado di occupazione dello stabile raggiungerà il 100%, ha spiegato Erez, la città non avrà alcuna spesa.
 
Confermata anche l'intenzione del Dipartimento educazione cultura e sport (Decs) di insediare in alcuni dei piani dello stabile la Scuola Media di Lugano centro, che dovrà lasciare Palazzo degli Studi.