Natale a Roccaraso o l'utilizzo sbagliato del web da parte della tv?

Natale a Roccaraso o l'utilizzo sbagliato del web da parte della tv?

Dicembre 26, 2020 - 21:16
Posted in:

In questa puntata di Rewind vi proponiamo qualcosa di particolare. Innanzitutto si tratta di un video - un mediometraggio, per essere precisi - realizzato già due anni fa. In questa rubrica solitamente proponiamo video recenti, ma la riflessione che può essere fatta con questo film è più che mai attuale. Il video di oggi, infatti, è Natale a Roccaraso (2018). Si tratta di una sorta di cinepanettone prodotto dalla Rai e distribuito gratuitamente tramite il canale Youtube della televisione pubblica italiana.

Si tratta di un'esperimento che, almeno nelle intenzioni, è interessante. La Rai, infatti, ha deciso di produrre e distribuire tramite web un mediometraggio, realizzato con la partecipazione di alcuni protagonisti delle piattaforme di internet, oltre che con alcuni volti più o meno noti del cinema e della televisione italiana. L'intenzione è lodevole, perché in qualche modo si cerca di far dialogare due mondi che sono differenti - internet e la tv - ma tra i quali possono esserci delle sinergie. 

Il risultato, purtroppo, è artisticamente catastrofico, come spiegato da una precisa e politicamente scorretta recensione di Victorlaszlo88 (vedi qui). Forse senza volerlo, la Rai ha dato la sua visione del web, indirettamente dipinto come un mondo privo di credibilità. Su internet, però, ci sono anche prodotti di grande qualità, così come in televisione ci sono anche programmi di infima qualità. Anziché foraggiare prodotti qualitativamente discutibili attraverso i propri canali sulle piattaforme web, la televisione pubblica non potrebbe ospitare - sui propri spazi online - quelle figure di internet che la qualità sono in grado di portarla? Così facendo, forse, anche una RSI avrebbe la possibilità di attrarre un certo tipo di target che non segue la televisione, ma che è invece attento ai contenuti di qualità che internet gli offre. Chissà cosa ne pensa il nuovo direttore della RSI Mario Timbal?

 

TM