Non basterà l'estate a fare la cifra del turismo

Non basterà l'estate a fare la cifra del turismo

Agosto 11, 2020 - 16:03
Posted in:

Secondo il presidente di Hotelleriesuisse Ticino Lorenzo Pianezzi nonostante la buona estate, il turismo conoscerà un importante calo nel 2020. 

Nell'ultimo mese il turismo in Ticino, complice probabilmente il fatto che molti confederati hanno deciso di non trascorrere all’estero le proprie vacanze, sembra essersi più che ripreso dalla pandemia. Dando un’occhiata ai principali centri turistici, sembra che perlomeno il mese di luglio-inizio agosto sia andato addirittura meglio degli anni precedenti. La domanda è se ciò potrà bastare a compensare il crollo imposto dal lockdown. Probabilmente era troppo da sperare.

Stando agli stessi albergatori infatti comunque il 2020 si chiuderà con un importante calo rispetto all’anno passato. ”Non siamo riusciti a recuperare in estate quanto perso tra marzo e maggio”, dice il presidente della sezione ticinese di Hotelleriesuisse, Lorenzo Pianezzi, in una dichiarazione rilasciata all’agenzia AWP, citata sul sito della RSI. Si prevede per il settore alberghiero un calo del fatturato nell’ordine di un quarto rispetto al 2019, mentre per quanto riguarda i pernottamenti si parla di un 20% in meno.

Ovviamente il punto di partenza, ovvero il primo semestre, con i mesi di marzo e maggio in pieno lockdown, aveva fatto segnare, non solo in Ticino, un crollo storico: -54% per il nostro Cantone.

A compensare sono giunte effettivamente le “vacanze in patria” di molti confederati. Infatti se abitualmente la percentuale di turisti svizzeri si aggira attorno al 70% per il Sopraceneri e al 40% per il Sottoceneri, quest’anno si giunge a percentuali rispettivamente del 90 e 80%.

Ora però il turismo confederato va scemando, visto che in molti Cantoni si sta tornando già ora sui banchi di scuola. Si dovranno vedere i prossimi mesi. Anche per il turismo, come per molti altri settori, pare dunque prospettarsi un “annus horribilis”. Forse però meno drammatico di quanto si poteva presagire alcuni mesi or sono.