"Non riesco a respirare". Morto durante l'arresto

"Non riesco a respirare". Morto durante l'arresto

Maggio 26, 2020 - 21:35
Posted in:

Un 50enne afroamericano è deceduto in seguito al fermo da parte della polizia a Minneapolis. 

Un altro episodio di violenza da parte della polizia su un cittadino afroamericano sta scuotendo gli Stati Uniti.

A Minneapolis un uomo di 50 anni è deceduto durante un fermo, dopo che un agente di polizia gli ha premuto il ginocchio sul collo per diversi minuti. L'episodio è venuto alla luce dopo la pubblicazione di un video che ritrae il momento del fermo. George Floyd, questo il nome della vittima, è stato fermato la sera del 25 maggio da due agenti, dopo una segnalazione. Stando a quanto spiegato dalla polizia era seduto in auto e “appariva sotto gli effetti di alcol e droga”. Sempre secondo la polizia avrebbe opposto resistenza e alla presenza di diversi passanti uno degli agenti lo avrebbe bloccato a terra premendoli con forza il ginocchio all’altezza del collo. Nel video girato da uno dei passanti si sente l’uomo gridare alla polizia di non ucciderlo e “non riesco a respirare”. La scena dura circa 10 minuti e i passanti invitano i due poliziotti ad accertarsi delle condizioni dell’uomo, dopo che questo pare perdere i sensi. L’agente tuttavia mantiene il suo ginocchio sul collo dell’uomo. Il video termina con l’uomo, privo di conoscenza, che viene portato via da un ambulanza.

La polizia di Minneapolis ha parlato di un “incidente medico”.