Okkio. La newsletter

Okkio. La newsletter

Agosto 29, 2019 - 03:13
Posted in:
  • Riceviamo e pubblichiamo. L'associazione Okkio-osservatorio per la gestione ecosostenibile dei rifiuti, ha realizzato la sua newsletter n12 di agosto 2019.

ASSEMBLEA ANNUALE - 11 novembre 2019 a Bellinzona
Riservate la data, seguiranno maggiori dettagli con l'invito.
 

- L'INCENERITORE COMPIE 10 ANNI – C’È POCO DA FESTEGGIARE!
Un giubileo che come OKKIO contestiamo. Sono già passati 10 anni dalla messa in funzione
dell'Inceneritore di Giubiasco. In questo periodo sono state incenerite preziose risorse
producendo ceneri e polveri finite in discarica, e fumi e gas di vario tipo finiti nell’aria. Secondo
l’Ufficio Federale dell’Ambiente, l’Inceneritore sarebbe responsabile di circa il 10% del CO2
emesso in Svizzera.

Dai camini sono state emesse grandi quantità di sostanze nocive come il monossido di Carbonio
(CO), gas indirettamente responsabile dell’effetto serra, e l’ossido di Azoto (NOx), gas precursore
dell’Ozono estivo. Senza dimenticare poi la pericolosità delle Nanoparticelle, che mancando un
limite di legge, non sono nemmeno monitorate!

Dall’ACR e dal Dipartimento del Territorio ci vengono sbandierati i dati del risparmio di nafta
tramite la produzione d’energia termica dall’incenerimento: ma è un cane che si morde la coda!
L’Inceneritore crea una pericolosa dipendenza dalla produzione dei rifiuti: se per produrre calore
ci si lega alla combustione dei rifiuti non ci potrà mai essere una vera volontà politica di ridurli e
promuovere delle serie politiche che vanno verso una società a “rifiuti zero”.
Il bilancio energetico dell’inceneritore di Giubiasco, comprensivo anche dell'energia grigia
investita per la sua costruzione, è in ogni caso negativo.
Sarebbe quindi più corretto chiamarlo termoSvalorizzatore!

Da un semplice bilancio di massa sui dati dei primi 9 anni, quelli disponibili, risulta che sono:

  • stati bruciati 1 587 686 tonnellate di rifiuti
  • e prodotte 350 793 tonnellate di residui solidi (scorie, ceneri e fanghi idrossidi).

Il resto, ovvero 1 234 967 tonnellate, sono uscite dai camini e immessi nell’atmosfera. Sembra
incredibile ma sono le leggi della chimica: nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma.
Dai nostri calcoli sui dati misurati in continuo dai camini e pubblicati dell’ACR l’inceneritore in 9
anni ha immesso nell’atmosfera:

  •  7 ton. di polveri solide totali
  •  124 ton. di ossidi di Zolfo, SO2
  •  1214 ton. di ossidi di Azoto, NO2
  •  27 ton. di componenti del cloro, HCL
  •  10 ton. di ammoniaca, NH3
  • 10 ton. sostanze organiche gassose, C
  •  589 ton. di monossido di carbonio, CO

Non sono però incluse le emissioni dell’inceneritore delle varie fasi di spegnimento ed
accensione. Durante queste eventi i filtri vengono spenti e i dati non vengono considerati nel
calcolo delle emissioni!
Le concentrazioni delle emissioni elencate sono state sempre a norma di legge! Immaginatevi
questi volumi di emissioni per i 30 inceneritori in Svizzera, i ca. 450 in Europa e i più di 1000 nel
mondo. Fino quando potremo considerare l’atmosfera la discarica dei nostri rifiuti?
Che gli inceneritori non sono sostenibili su un pianeta che si sta surriscaldando a causa
dell’atmosfera sempre più inquinata dovrebbe essere oramai chiaro a tutti.
Noi di OKKIO continueremo a batterci per metodi di gestione dei rifiuti alternativi con l’obiettivo
Rifiuti Zero. Il nostro motto rimane: ogni tonnellata incenerita è una tonnellata di troppo!
- Il CANTONE SCONSIGLIA LA RACCOLTA DELLA PLASTICA MISTA
Sulla plastica il Cantone farebbe meglio lasciar fare a Comuni e cittadini!
L' Ufficio cantonale dei Rifiuti ha recentemente inviato una circolare a tutti i Comuni ticinesi per
sconsigliare la raccolta della plastica mista adducendo come motivo i risultati dello studio
KuRVe “Riciclaggio e valorizzazione delle materie plastiche”. Questo dopo che la città di
Bellinzona e altri Comuni del Cantone hanno introdotto con grande successo la raccolta delle
plastiche miste tramite sacco a pagamento.
Per dare un' idea, solo a Bellinzona, in soli 5 mesi sono stati venduti 95 000 sacchi e raccolti
25 tonnellate di plastiche: tutta plastica che non finirà bruciata all’Inceneritore, ma che potrà
seguire un processo di lavorazione che permetterà un riciclaggio del 70% - 90%. Secondo
l’azienda che esegue la raccolta essa è di ottima qualità, ciò a dimostrazione che i ticinesi sono
molto attenti e sensibili alla problematica.
Non ci stupisce che questo abbia messo in allarme chi vorrebbe bruciare tutto il possibile
all’Inceneritore! OKKIO ha ritenuto fin da subito lo studio KuRVe il solito "studio alibi"
commissionato e finanziato dall’UFAM e da 8 Cantoni che gestiscono inceneritori. Che vi siano
dei conflitti di interessi e che di conseguenza sia uno studio palesemente di parte lo dimostra
inoltre il fatto che l' industria che si occupa attualmente del riciclaggio non è stata ammessa nel
gruppo di lavoro che ha eseguito lo studio.
Vista l’esclusione, quest’ultimi hanno effettuato uno studio che presenta risultati opposti allo
studio KuRVe..
Sul nostro sito trovate maggiori informazioni su questa tematica, cosi come lo studio KuRve e gli
studi alternativi.

- CONTINUA LO SFORZO PER LA RACCOLTA DELLA PLASTICA MISTA
Nonostante il Cantone abbia fatto la voce grossa, cittadini e Comuni ticinesi continuano a volere
la raccolta separata della plastica. Dopo la Città di Bellinzona e altri comuni ticinesi, ora anche a
Locarno è stata inoltrata una Mozione per l'introduzione della raccolta della plastica mista.
OKKIO aveva preso posizione alla risposta del Municipio di Locarno ad una precedente
interrogazione che di fatto criticava la soluzione adottata a Bellinzona con informazioni imprecise,
errate e fuorvianti.

- MOON & STARS E LOCARNO FESTIVAL PROMOSSE MA SI PUÒ FARE DI PIÙ!
Alle edizioni 2019 di Moon & Stars e Locarno Festival (La Rotonda) sono stati introdotti
finalmente i bicchieri multiuso con deposito. Peccato che i piatti e le posate seppur
compostabili sono finiti all' inceneritore!
Il compostaggio sarebbe stato possibile se solo i piatti fossero stati raccolti separatamente dagli
altri rifiuti. Non rimane che lavorare per rendere ancora più eco-sostenibili le edizioni 2020. A tale
scopo OKKIO manterrà i contatti con i responsabili delle manifestazioni per offrire le sue
consulenze.

- OKKIO IN ATTESA
Siamo sempre in attesa di avere i dati richiesti tramite la Commissione della Trasparenza sugli
apporti di rifiuti all’Inceneritore dai singoli “Riciclatori autorizzati ACR”: Dall’agosto
dell’anno scorso, malgrado la nostra sollecitazione del mese di maggio non abbiamo più ricevuto
informazioni
Anche alla nostra Petizione al Consiglio di Stato del 30 ottobre 2018 riguardante le norme
igieniche per la raccolta dell’umido è ancora sempre in attesa.

Ci trovate: in rete www.okkio.ch , su Facebook “okkio all'inceneritore!”, e-mail: tiokkio@gmail.com