Probabilmente i bambini contraggono e diffondono il covid molto poco

Probabilmente i bambini contraggono e diffondono il covid molto poco

Luglio 27, 2020 - 16:10

Uno studio di Science evidenzia come il tasso di contagio nei ragazzi di età inferiore agli 11-12 anni sembra molto basso. Per i pediatri inglesi continuare a chiudere le scuole provocherebbe più danni che riaprirle. 

“Continuare a tenere chiuse le scuole lascerebbe segni indelebili a un’intera generazione”. A dirlo sono i pediatri del Regno Unito, in una lettera aperta firmata da 1’500 membri del “Royal College of Paediatrics and Child Health”. Quello delle scuole è uno dei “temi caldi” della discussione politica sul coronavirus in molti Paesi. Anche in Ticino. Il 10 di agosto infatti il Consiglio di Stato comunicherà come riprenderanno le scuole il 31 agosto.

Un’indicazione incoraggiante arriva ora da uno studio pubblicato su Science, dal quale emerge che non solo i bambini contrarrebbero raramente si contagino l’uno con l’altro, ma anche che sarebbe ancor più raro che “portino a casa” il virus contagiando i familiari.

"Diversi studi hanno rilevato che, nel complesso, le persone di età inferiore ai 18 anni hanno una probabilità di contrarre il virus compresa tra un terzo e la metà rispetto agli adulti, e il rischio appare più basso per i bambini più piccoli”, spiega l’articolo pubblicato da Science. “Arnaud Fontanet, epidemiologo dell'Istituto Pasteur, e i suoi colleghi hanno avviato a fine marzo un'indagine a Crépy-en-Valois per vedere se potevano mettere insieme la portata del virus nella città e nelle scuole. Nella scuola superiore, i test anticorpali hanno mostrato che il 38% degli alunni, il 43% degli insegnanti e il 59% del personale non docente erano stati infettati. (A quel punto, diverse persone associate alla scuola erano state ricoverate in ospedale con complicazioni del COVID-19). In sei scuole elementari, hanno trovato un totale di tre bambini che hanno contratto il virus, probabilmente da membri della famiglia, e che hanno poi frequentato la scuola mentre erano infetti. Ma, per quanto i ricercatori hanno potuto constatare, i bambini più piccoli non hanno trasmesso il virus a nessun contatto ravvicinato”. "È ancora un po' speculativo", spiega lo stesso  Fontanet a Science. Gli studenti delle scuole superiori "devono stare molto attenti”, dice, poiché hanno una malattia lieve, ma sono contagiosi. Discorso diverso per bambini di età inferiore agli 11 o 12 anni, che invece, "probabilmente non trasmettono molto bene".