Ps di Locarno. Anche Mellini e Soudani non saranno in lista

Ps di Locarno. Anche Mellini e Soudani non saranno in lista

Dicembre 24, 2020 - 06:40
Posted in:

Bruno Cereghetti non è l'unico nome della lista per il Municipio dei socialisti di Locarno a non essere più presente...

Oltre all'estromissione dalla lista socialista per il Municipio di Bruno Cereghetti, a Locarno altri due nomi importanti che erano stati annunciati l'anno scorso come candidati per l'esecutivo di Locarno, non saranno più della partita. Si tratta di Amel Soudani e di Pier Mellini, attuale capogruppo in Consiglio comunale e colui che sfidò nel 2016 Ronnie Moretti al Municipio perdendo la corsa.

Nella lista socialista per il Municipio di Locarno a gennaio 2020 c'erano 5 nomi (su 7) socialisti. Ora perso per strada Mellini, Sirica, Cereghetti e Soudani, ne rimane una sola di donna in lista, la co-presidente sezionale Nancy Lunghi, che verrà affiancata da due nomi maschili che attualmente non siedono neanche in Consiglio comunale. Totale di socialisti in lista per il Municipio 3 candidati.

Il resto della lista dovrebbe essere fatta da ben 2 comunisti (Luigi Romeo e Gionata Genazzi), da un Pop (Gianfranco Cavalli) e da un verde "dissidente".

Dunque i socialisti saranno in minoranza (3 candidati su 7) e quasi sicuramente lasceranno il seggio nell'esecutivo al comunista Romeo (che poteva essere sicuramente battuto da Bruno Cereghetti, ma è stato estromesso dalla lista, e semmai da Pier Mellini, che anche lui non sarà più in lista).

Una lista di 7 nomi per il Municipio senza che nessuno abbia almeno fatto una legislatura in Consiglio comunale, è oggettivamente una lista molto debole e fragile.

Ma se "l'architetto" delle strategie socialiste locarnesi vuole così, così sarà. Ppd e Plr possono solo ringraziare... .

D'altronde l'unico vero obiettivo "dell'architetto socialista" è quello di riportare il Ps di Locarno nel solco della tradizionale alleanza filospeziali (e dei suoi eredi). E per farlo, spiana la strada all'esecutivo ad un comunista (che in Municipio potrà entrare, ma non dovrà mai allearsi con il leghista Bruno Buzzini, con il pipidino Giuseppe Cotti e con il liberale Davide Giovannacci, ma essere sempre attento a stare con gli eredi di Carla Speziali).