PSS: "PostFinance: no alla privatizzazione; per una banca al servizio della popolazione"

PSS: "PostFinance: no alla privatizzazione; per una banca al servizio della popolazione"

Gennaio 21, 2021 - 09:29
Posted in:

Riceviamo e pubblichiamo. Comunicato stampa del PSS. 

In un momento in cui i tassi d'interesse sono ad un minimo storico, PostFinance deve essere ripensata come garante del traffico dei pagamenti e quindi come una parte importante del servizio pubblico. Il Partito Socialista Svizzero rifiuta pertanto la proposta del Consiglio federale, che ha scelto la via semplicistica della privatizzazione. Il PS chiede invece che PostFinance si trasformi in una “banca del clima”, al servizio del bene comune e della transizione energetica solidale e che nella sua trasformazione il Consiglio federale non segua la logica della concorrenza ad ogni costo.

"Per un servizio pubblico forte, PostFinance dovrebbe rimanere una società controllata al 100% da Posta Svizzera. Il nostro Paese non ha bisogno di un ulteriore gigante bancario che massimizzi i profitti", sostiene il Consigliere nazionale socialista Bruno Storni. "Come banca del clima, l’attuale istituto in difficoltà PostFinance si trasformerebbe in una banca proiettata nel futuro, che potrebbe assumere un ruolo pionieristico con un'attenzione particolare agli investimenti nazionali e internazionali basati sulla protezione del clima."

Ciò di cui la Svizzera e l'Europa hanno bisogno sono banche statali che si impegnino a finanziare la salvaguardia del clima. "Queste banche devono concentrare la loro attività nella tutela del clima, l'efficienza energetica e le energie rinnovabili", afferma il Consigliere nazionale PS Jon Pult. "La transizione energetica offre sufficienti opportunità di investimento e di credito."

Il PS critica il Consiglio federale per non aver proposto nessuna alternativa alla privatizzazione. "La Confederazione potrebbe facilmente mettere a disposizione dei mezzi propri per trasformare PostFinance in una banca di importanza sistemica", continua il Consigliere nazionale PS Bruno Storni. "Soprattutto nella crisi causata dal coronavirus, PostFinance si è dimostrata estremamente efficiente concedendo migliaia di fideiussioni."