"Radicali in fuga", passano direttamente all'estrema sinistra

"Radicali in fuga", passano direttamente all'estrema sinistra

Gennaio 31, 2020 - 17:25

Sulle liste dei proponenti dell'Mps figura anche il nome del già granconsigliere Plr Jean-Luis Scossa.

Sono scaduti i termini di consegna per le liste per i Municipi e i Consigli comunali in vista delle elezioni comunali del prossimo 5 aprile e da alcuni giorni le cancellerie comunali hanno pubblicato le liste con i candidati, nonché i relativi proponenti.
 
In quel di Lugano c'è pure qualche sorpresa. Un'ex radicale che si sposta sulla sinistra, "saltando" i socialisti e passando direttamente all’estrema sinistra dello schieramento politico.
 
Non stiamo parlando di Oliviero Farinelli (fratello di Alex Farinelli), candidato sulle liste di Mps-Pop, che nonostante sia fratello del consigliere nazionale e sindaco di Comano del Plr, da tempo milita nel Movimento per il socialismo. Mentre in quel di Bellinzona il granconsigliere Plr Fabio Käppeli è noto per la sua prolungata "querelle" con l'Mps in Consiglio comunale, fra i proponenti della lista Mps-Pop per il Municipio e Consiglio comunale di Lugano, "capitanati" da Gerri Beretta Piccoli (primo proponente dell’Mps-Pop), compare il nome di un ex deputato cantonale del Plr. Infatti quarto proponente è Jean-Luis Scossa, già esponente radicale del Plr e granconsigliere per questo partito negli anni '90, allora per il circondario della Valle di Blenio. 
 
Che da qualche tempo Scossa non "bazzicasse" più il Plr era noto. Quattro anni fa durante la campagna elettorale lo si è visto agli eventi della lista Verdi-Ps, spesso a fianco di Jacques Ducry, allora candidato su quella lista. Quest'anno Ducry ha deciso di tentare la candidatura sulle liste del Plr di Guido Tognola (poi come noto si è ritirato). Jean-Luis Scossa invece ha optato per una svolta più radicale, facendo da proponente alla lista che vuole portare anche a Lugano “una vera opposizione”.