Ricandidatura Ghisletta: "il Congresso ha parlato"

Ricandidatura Ghisletta: "il Congresso ha parlato"

Aprile 05, 2019 - 13:36
Posted in:

I candidati socialisti Laura Riget, Daniela Pugno Ghirlanda e Fabrizio Sirica commentano l'"affondo" di Stojanovic sulla riccandidatura di Raoul Ghisletta.

In casa socialista non è la prima volta che si discute della ricandidatura del granconsigliere socialista e segretario della Vpod Raoul Ghisletta. Allo scorso congresso i giovani socialisti Aramis Gianini e Giulio Bozzini avevano chiesto un cambiamento statutario per  inserire un’ulteriore limitazione negli statuti Ps, per limitare il massimo di legislature per i deputati a 3 (attualmente già lo dicono, ma non dicono se vanno intese come tre legislature consecutive o tre legislature in totale). E qui sta il punto (perlomeno per quanto riguarda l’aspetto statutario). Ghisletta ha fatto 3 legislature (1999-2011), poi ne ha fatta una di pausa (2011-2015), in seguito si è ricandidato per una quarta (2015-2019) e ora per la quinta. 

L'ultimo ad esprimersi in materia è stato il già granconsigliere socialista Nenad Stojanovic, che su Twitter ha commentato un articolo dello stesso Ghisletta apparso sul Corriere del Ticino, da titolo "Certi politici dovrebbero stare a casa". Questo il commento di Stojanovic: "E in particolare quello che vedo sulla foto (ovvero Ghisletta, ndr), che si candida per la sua sesta legislatura in Gran consiglio, fregandosene per l’ennesima volta delle usanze e degli statuti del Partito socialista – che impone ai deputati un vincolo di 3 mandati in parlamento – sfruttando la debolezza della dirigenza 'vogliamocibene' del PS". 

"Il punto del numero massimo di legislature non è sufficientemente chiaro", commenta a Ticinotoday la candidata al Consiglio di Stato per il Ps Ticino Laura Riget . "Il discorso andrà sicuramente affrontato, ma nei germi adatti, in un Congresso, e non su Twitter. La reputo dunque (quella di Stojanovic, ndr) un'uscita poco adatta in questo momento". 

"Nenad Stojanovic basa la sua posizione sul rispetto dell'articolo dei nostri statuti che dice che dopo tre legislature non ci si può più ricandidare", ci dice Fabrizio Sirica, anche lui candidato al Governo per il Ps. "Tuttavia a più riprese c'è stata una discussione interna e democratica, anche a Congresso, dunque la più alta istanza del Partito, che ha dato una certa lettura. Non vedo dunque come si ponga il problema". 

Al di là di quanto dicono gli statuti attualmente, la granconsigliera Daniela Pugno Ghirlanda saluta positivamente la ricandidatura di Ghisletta. "Sono convinta i socialisti abbiano bisogno di persone competenti. Il deputato Raoul Ghisletta sicuramente lo è e lavora con grande dedizione", ci dichiara. "Ciò mi porta a sostenerlo, anche se ha alle spalle tanti anni in Gran Consiglio. Non è questo il momento correre dei rischi". 

In merito all'opportunità della candidatura Riget ci dichiara che era "favorevole a entrare in discussione su quell'emendamento (quello di Gianini e Bozzini, ndr). Purtroppo la maggioranza della base non ha reputato opportuno in quel momento discuterne, preferendo farlo dopo le elezioni in un congresso apposito. La decisione del Congresso va rispettata e dunque la candidatura è opportuna".
"Per i socialisti e le persone che hanno interesse ad avere una rappresentanza della sinistra in Consiglio di Stato, in questo momento la priorità è quella compattarsi attorno a questo obiettivo", ci dice Sirica. "Poi si potranno fare tutte le discussioni interne del caso. Oggi però dobbiamo confermare il seggio e basta".