Roberto Sanvido. "Lugano: Poli Congressuale e Sportivo necessari"

Roberto Sanvido. "Lugano: Poli Congressuale e Sportivo necessari"

Giugno 07, 2020 - 14:34
Posted in:

Riceviamo e pubblichiamo. Opinione di Roberto Sanvido. 

Se ne parla da quando in Municipio la troica BCG aveva lanciato i progetti e se ne è sempre discusso o osteggiato senza mai arrivare al dunque. Anche per la Vedeggio-Cassarate ci sono voluti oltre venti anni, ora vogliamo essere nella stessa situazione? Speriamo di no.

Che sia pubblico o privato, l’investitore non conta, l’importante è arrivare a portare a termine i progetti, questo perché dal lato economico oggi la Città di Lugano (ma anche allora forse lo poteva) ha la capacità economica di sopportare l’investimento da sola, e vi spiego; ho letto che una struttura privata di un paese confinante ha emesso un Bond di 3 miliardi a 8 anni a un tasso dello 0,46% e ha avuto richieste di sottoscrizione fino a 11 miliardi. Ecco, la città di Lugano potrebbe fare la stessa cosa e per 10 anni a un tasso dello 0.35%, siccome sarebbe in Chf, e per un importo di un massimo di 500 milioni sufficienti alla realizzazione dei due poli da sola, in modo che sarebbero di proprietà dei cittadini. Di sicuro l’utile lordo della loro gestione coprirebbe gli interessi, che ammonterebbero a 1,75 mio.

Se vi ricordate già nel 2014 quando si urlava che Lugano era come Detroit, qualcuno aveva lanciato l’idea che con La Cassa Pensione dei Dipendenti si poteva creare un Fondo Immobiliare della Città. Sì, perché a oggi il patrimonio Immobiliare della Città è di gran lunga superiore ai 2 miliardi, Lac Compreso, e purtroppo si urlava che i debiti non erano legati agli investimenti. Chiedetelo ai Fondi di Investimento come si valutano questi due concetti.

In ogni caso se i privati ci credono vuole dire che servono e che sicuramente la loro gestione non sarà deficitaria e allora, o pubblico o privato, i due poli devono essere realizzati.

Portare il tutto su uno scontro politico per due torri vuole dire voler ripetere l’errore temporale della Vedeggio-Cassarate. Io dico che solo a portare l’AIL a Cornaredo si avrebbe un risparmio fiscale quasi vicino agli 1,75 milioni già citato, ma purtroppo la concomitanza con le elezioni del 2021 farà si che una campagna ostruzionista ancora una volta forse creerà dei danni per i cittadini.

 

Roberto Sanvido