Sarà che "morire bisogna", ma non in vacanza in Ticino

Sarà che "morire bisogna", ma non in vacanza in Ticino

Aprile 02, 2020 - 18:07
Posted in:

In questa puntata di Rewind vi proponiamo un monologo del Pojana (Andrea Pennacchi), andato in onda sulla trasmissione Proganda Live, di La7. Nel video viene fatta una cruda ironia, sul fatto che il mondo si debba fermare per evitare che gli anziani entrino in contatto con il COVID-19, mentre proprio questa categoria della popolazione fatica a cambiare le proprie abitudini. Ovviamente il mondo non è fermo unicamente per salvare gli over 65, ma le statistiche legate alla pandemia mostrano che gli anziani sono coloro che maggiormente rischiano gravi conseguenze, nel caso in cui dovessero contrarre la malattia (vedi qui i dati sulla Svizzera).

 

Nonostante le evidenze statistiche e le misure restrittive - tra cui il divieto, per gli over 65, di recarsi nei negozi a fare acquisti - pare che qualche anziano si possa ancora incontrare nei luoghi pubblici, a partire dai supermercati. La situazione, però, potrebbe presto degenerare, a causa dell'avvicinarsi della Pasqua. Quanti saranno, infatti, i pensionati d'oltre Gottardo che decideranno di trascorrere un po' di tempo in Ticino, nella propria residenza secondaria? Stando a una dichiarazione del sindaco di Vernate Giovanni Cossi - mandata in oggi da Rete Tre - sarebbero in molti a essere già giunti nel comune del distretto di Lugano. Forse, la situazione in cui riversa oggi il Ticino, non è completamente compresa in tutto il resto della Svizzera. A questo tema, peraltro, abbiamo già dato spazio: prima con un contributo di Filippo Contarini (vedi qui), e poi interpellando alcuni studenti ticinesi che risiedono in svizzera tedesca (vedi qui).

 

Quel che ci domandiamo è: come faranno i pensionati confederati in vacanza a fare la spesa? Si chiuderà un'occhio sull'ordinanza che il Consiglio di Stato ha emanato lo scorso 27 marzo?  Si farà capo ai servizi d'aiuto organizzati dai comuni e da qualche privato volenteroso (vi avevamo raccontato di Demis Fumasoli: vedi qui)? Inoltre, considerando che il sistema sanitario ticinese è già sotto pressione, non sarebbe meglio evitare di infoltire gli strati della popolazione più a rischio?

 

TM