Seciale guerra del Golfo: Fede annuncia Desert Storm

La prima guerra del Golfo vide protagonisti l’Iraq di Saddam Hussein, e una coalizione di 35 stati, guidata dagli Stati Uniti, raccolta sotto il comune cappello dell’ONU. Il conflitto scoppiò il 2 agosto 1990, quando l’esercito iracheno invase il Kuwait; un attacco a cui fece seguito un ultimatum dell’ONU, che pretendeva il ritiro delle truppe di Saddam. Il momento più importante del conflitto, però, fu l’attacco, all’Iraq, degli USA e dei suoi alleati: un evento - chiamato operazione Desert Storm (tempesta nel deserto) - accaduto il 17 gennaio 1991, per cui, la prossima domenica ricorreranno i 25 anni dal coinvolgimento diretto, dell’Occidente, nei territori del Medio Oriente. Questa guerra, in buona parte dettata dal controllo del mercato petrolifero, fu il primo conflitto armato estremamente mediatizzato; tanto che le immagini delle operazioni militari, venivano fornite direttamente dall’esercito statunitense, il quale cambiò completamente atteggiamento, rispetto ai silenzi e le censure delle sue attività belliche passate (si pensi all’esperienza del Vietnam). Il video che vi proponiamo, è relativo alla prima puntata andata in onda di Studio Aperto, il telegiornale di Italia 1, diretto da Emilio Fede. Si tratta non solamente della prima edizione del tg del canale televisivo di Silvio Berlusconi, ma pure della primissima puntata di un tg nazionale (italiano), andato in onda su una televisione privata. L’inizio di Fede, di Studio Aperto e dell’inviata Silvia Kramar, fu proprio l’annuncio dell’inizio dell’operazione Desert Storm, anticipando tutti i concorrenti, almeno in Italia. Con Studio Aperto nasce, inoltre, un nuovo modo di fare giornalismo televisivo, introducendo la spettacolarizzazione dell’annuncio delle notizie, attraverso l’utilizzo di molte immagini e cartine geografiche. Fu una vera rivoluzione, rispetto ai precedenti telegiornali, i quali - in buona parte - erano costruiti per mezzo della lettura delle notizie.