Sei goloso? È questione di geni

Sei goloso? È questione di geni

Novembre 10, 2015 - 06:10

Secondo dei ricercatori inglesi la preferenza per alcuni cibi è determinata dal DNA. La scoperta potrebbe portare ad approcci personalizzati per dimagrire.

I cibi particolarmente calorici non piacciono a tutti nello stesso modo. Per alcuni individui la predilezione per cibi dolci e grassi è scritta nei geni. È quanto sostengono i ricercatori dell’Imperial College di Londra, guidati da Tony Goldstone, da anni impegnato in studi su obesità e dimagrimento.
Gli scienziati britannici hanno infatti scoperto che la scelta dei cibi, in particolare la preferenza per gli alimenti ipercalorici, è influenzata da mutazioni genetiche ai geni Fto (già in passato incolpati per predisporre all'obesità) e DRD2, un gene che regola la dopamina, il neurotrasmettitore del piacere. I ricercatori hanno esaminato il DNA di individui di varia taglia e sottoposto tutti i volontari ad un test che prevede la visualizzazione di diversi tipi di cibo. Attraverso una risonanza magnetica è stato osservato che gli individui che presentano le mutazioni a carico dei due geni presentano un attività dei centri del piacere del cervello più elevata davanti a immagini di cibi ipercalorici.
Secondo i ricercatori la scoperta potrebbe portare a sviluppare approcci personalizzati per il dimagrimento.