Tamponi 10 franchi. “Nessuno dovrebbe vaccinarsi per motivi di costo”

Tamponi 10 franchi. “Nessuno dovrebbe vaccinarsi per motivi di costo”

Novembre 19, 2021 - 14:47
Posted in:

Test per il covid anche a 10 franchi. Un medico del Bellinzonese ritiene che "nessuno dovrebbe, contro la propria convinzione interiore, essere costretto a farsi inoculare una vaccinazione COVID-19 per motivi di costo". 

Tamponi per accedere al certificato covid al prezzo di 10 franchi. E il prezzo concorrenziale starebbe riscuotendo un certo successo. A proporre i test del covid a un prezzo ben inferiore alla consueta forchetta che va dai 20 ai 40 franchi una dottoressa di Giubiasco. Come riferisce oggi la Regione la dottoressa dopo un primo periodo di tamponi eseguiti nel proprio studio, da qualche tempo li organizza in un edificio privato a Sementina. Come si apprende dal sito le motivazioni del prezzo contenuto sono che “a nostro avviso, nessuno dovrebbe, contro la propria convinzione interiore, essere costretto a farsi inoculare una vaccinazione COVID-19 per motivi di costo”. “Ci sforziamo quindi di offrire test convenienti e di agevole accessibilità”, si legge, “fino alla fine del periodo per il quale vige il requisito del certificato”. Non solo, per “giovani di età compresa tra i 16 e i 25 anni con un reddito bassa (scuola, studi, apprendistato)”, si legge nel sito, i test hanno un prezzo di 2 franchi (come noto invece per i giovani fino ai 16 anni, per le persone che non possono essere vaccinate e, per un periodo di tempo limitato, per le persone che hanno ricevuto una dose di vaccino, il costo dei test è ancora assunto dalla Confederazione). Secondo la Regione “l’annuncio ha avuto e sta continuando ad avere molto successo e sono tantissimi coloro che si annunciano attratti dal prezzo basso”.

Il giornale bellinzonese interpella in merito anche il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini, che spiega che “se il costo del tampone non viene coperto dalla Confederazione né dalle casse malati, e si muove perciò al di fuori della Legge federale sull’assicurazione malattia, vige il libero mercato nel senso completo del termine. E cioè che le farmacie e gli studi medici possono applicare il prezzo che vogliono”.