Timbal ha scelto la sua squadra. Il PPD sceglie il candidato che piace ai liberali

Timbal ha scelto la sua squadra. Il PPD sceglie il candidato che piace ai liberali

Maggio 28, 2021 - 19:55
Posted in:

Un tempo c'erano i concorsi. Municipali e consiglieri comunali nei consigli direttivi degli Enti autonomi non vanno bene. Fra i candidati alal CRP il Ppd punta su...

Martedì sulle pagine del Corriere del Ticino il direttore della Sezione Enti Locali Marzio Della Santa si è schierato contro alla presenza nei consigli direttivi degli Enti Autonomi comunali di municipali e consiglieri comunali. Presenza che potrebbe rappresentare dei potenziali conflitti di interessi (non legalmente, ma etici, ha detto). L’intervista era stata realizzata in seguito alle grandi discussioni sollevate dalle nomine negli Enti Autonomi a Bellinzona.  Ma chissà se anche a Lugano le parole del capo della Sezione enti locali avranno qualche ripercussione…

 

 

**********

 

 

Oggi abbiamo appreso qual è la quadra di Mario Timbal alla direzione della Rsi. Chiaro il nuovo corso di Marchand e Timbal: i capi scelgono i propri fedelissimi. E pensare che una volta c’erano i concorsi anche per gli alti incarichi. Prassi vecchia.

Certo, noi che un po’ di memoria l’abbiamo, ci ricordiamo con quale concorso qualcuno è riuscito a passare dalla direzione di Nuova Libera Stampa alla RSI. E ci ricordiamo pure come la stessa persona abbia scalato quasi tutto l’organigramma della Rsi, con concorsi discutibili.

Dunque, anche il vecchio metodo non è che era buono. Vorremmo soltanto che se qualcuno non si dimostrasse all’altezza dell’incarico anche chi l’ha nominato debba andare a casa.

 

 

**********

 

Il Ppd punta per la CRP (Camera dei ricorsi penali) sull’attuale pp Nicola Respini. Interessante.  Su quattro candidati, tutti di “marca” pipidina, di cui tre donne, il PPD sceglie l’unico uomo per sostituire il ciellino Mauro Mini, che dopo essere stato docente alla Supsi e soprattutto collega di Fulvio Pezzati, è approdato quasi un ventennio fa alla CRP.

Evidentemente il Ppd ha scelto Nicola Respini perché è il candidato preferito dai liberali ed evidentemente il caso di Maddalena Ermotti-Lepori ha fatto scuola.

Rimaniamo dell’idea che il partito di Dadò dovrebbe puntare su una donna, possibilmente non ciellina. Ma probabilmente Dadò preferisce fare proclami roboanti e poi chinarsi a fare la ruota di scorta dei liberali.