Tuto Rossi: "Il Sindaco non consegni la chiave della città a Re Rabadan fino a quando non verranno ritirate le ordinanze liberticide"

Tuto Rossi: "Il Sindaco non consegni la chiave della città a Re Rabadan fino a quando non verranno ritirate le ordinanze liberticide"

Febbraio 10, 2020 - 22:13
Posted in:

Riceviamo e pubblichiamn. Interpellanza del consigliere comunale di Bellinzona Tuto Rossi. 

utti i Bellinzonesi hanno sempre sostenuto la società Rabadan perché organizzava il risotto popolare, il palo della cuccagna, il tiro alla fune, le visite agli ospizi e l’accoglienza degli amanti del nostro carnevale.
Per questo il popolo, compreso il sottoscritto Consigliere Comunale - è sempre stato favorevole ad assegnare a questa società l’organizzazione del Rabadan, senza guardare troppo da vicino la base legale e qualche opacità contabile.
Da alcuni anni tuttavia, la società Rabadan si è trasformata in un business a scopo di lucro, con un giro d’affari di due milioni di franchi, e l’organizzazione di manifestazioni che nulla hanno a che vedere con il Rabadan.
Quest’anno Rabadan ha gettato la maschera per assumere i panni del Landfogto Geissler che obbligava i commercianti a piegarsi sotto le sue ordinanze liberticide, come l’obbligo di salutare un cappello posto su un palo in mezzo alla piazza del mercato.
Con un sottile “colpetto di stato carnevalesco”, la società Rabadan

  • Obbliga tutte le tendine a rifornirsi dal medesimo distributore (Stradrinks AG) cosicché alla fine del carnevale i ristorni sulle bibite non vanno più agli esercenti, ma se li pappa lei.
  • Obbliga tutte le tendine a comperare da lei i cosiddetti bicchieri monouso biodegradabili (che poi finiscono nel termovalorizzatore di Giubiasco come gli altri…) applicando una cosiddetta “Ecotassa” che in realtà è una “Ecocassa” pro sacoccia (che si potrebbe chiamare “EcoTruffa” perché le tasse in buon diritto le percepisce lo Stato e non una società privata)
  • Tenta di obbligare tutte le tendine a mettere una cassa registratrice collegata con una loro banca dati in modo da controllarle
  • Ha intenzione di fare pagare le consumazioni con il microchip inserito nel bicchiere del Rabadan in modo da togliere agli esercenti la gestione della liquidità
  • Insomma vuole schiavizzare tutti i prestatori di servizi per guadagnare solo lei.

 
Il 6 febbraio, la società Rabadan ha convocato gli esercenti chiedendogli di firmare un ordinanza liberticida (vedi allegato), piena di obblighi assurdi e inapplicabili, come per esempio

  • Il divieto al personale delle tendine di toccare i bicchieri
  • Il divieto da fare toccare i bicchieri tra di loro
  • L’obbligo delle maschere e del popolo del carnevale di posare sul bancone ognuno il proprio bicchiere in modo separato evitando di toccare il bicchiere degli altri
  • Il divieto di servire birra alla spina
  • L’obbligo di servire a cascata le bevande da una brocca penzolante che non deve toccare i bicchieri

I capi del Rabadan sono troppo intelligenti per non sapere che simili imposizioni sono inapplicabili nella festosa confusione di carnevale, e hanno come vero scopo quello di fare innervosire la gente obbligandola a estenuanti code, con la conseguenza di litigi e tafferugli.
Interrogato da TicinoNews sabato 8 febbraio 2020, un membro del comitato Rabadan ha minacciato gli esercenti, che non firmeranno l’ordinanza liberticida, di vietare loro la distribuzione delle bibite
È la goccia che fa traboccare il vaso.
Basta! La società Rabadan ha perso ogni legittimità popolare di rappresentare il Carnevale di Bellinzona.
Non c’è nessuna base legale che autorizza i trasferimento per un’intera settimana dei poteri pubblici a questa società privata, la quale non ha nessun diritto di usurpare le leggi e di sopprimere la libera concorrenza.
Per suggellare il profondo disaccordo dei bellinzonesi verso questa “dittatura pseudo-carnevalesca”, chiediamo al Sindaco di rifiutarsi di consegnare la chiave della città a Re Rabadan.
 
Per questi motivi chiediamo al Municipio

  1. Di rifiutare di consegnare le chiavi della città a Re Rabadan durante la cerimonia d’apertura del carnevale.
  2. Di intervenire presso i capi della società Rabadan allo scopo di ricondurli immeddiatamente nell’ambito della legge.
  3. Di mettere a pubblico concorso l’organizzazione del Carnevale Rabadan, poiché la società Rabadan ha perso la legittimità popolare e è diventata un business.

 
TUTO ROSSI Consigliere comunale