Uber Eats sotto la lente di “Kassensturz”... e non fa bella figura

Uber Eats sotto la lente di “Kassensturz”... e non fa bella figura

Dicembre 04, 2019 - 08:28
Posted in:

La trasmissione “Kassensturz” della SRF ha realizzato un’inchiesta su Uber Eats, il servizio di consegna di cibo di Uber. Emergono condizioni precarie per quanto riguarda le assicurazioni e le prestazioni sociali…

Il servizio di consegna di cibo "Uber Eats" finisce anche in Svizzera sul banco degli imputati per i salari bassi e per la mancanza di prestazioni sociali. 

Ad occuparsi del servizio dell'azienda statunitense Uber è stata recentemente la trasmissione della SRF "Kassensturz", che ha inviato una collaboratrice a svolgere per una settimana il lavoro di corriere per Uber Eats. Dal servizio della trasmissione emergono le criticità a cui Uber ha già dovuto rispondere. 

Uber Eats, come la sua casa madre, sta seguendo una strategia di crescita rapita grazie ai bassi prezzi e nei principali centri urbani, come Zurigo, sta reclutando molti corrieri. 

Il colloquio con Uber Eats per il potenziale corriere dura circa 30 minuti e i partecipanti vengono informati sul funzionamento dell'applicazione, le aree di distribuzione e il loro salario. Non vengono fatte domande personali e al dipendente della SRF non è stato chiesto il casellario giudiziale. Il corriere deve poi pagare 120 franchi per lo zaino di Uber Eats. 

Nella sessione informativa, la collaboratrice della SRF è stata informata del fatto che è una collaboratrice indipendente di Uber Eats. Proprio qui sta il problema: come dipendente Uber Eats, non si può essere lavoratori autonomi e "né la SUVA né l'AVS lo hanno accettato finora", spiega il servizio. La questione se i corrieri sono lavoratori autonomi o dipendenti è ancora pendente davanti ai tribunali e durante il colloqui non viene citato questo aspetto legale. Il sindacato UNIA avverte che i corrieri non sarebbero coperti dall'assicurazione contro gli infortuni e i contributi AVS non sarebbero regolati correttamente.  I corrieri non sarebbero quindi in grado di compilare correttamente la dichiarazione dei redditi. 

Per questo motivo, la città di Ginevra ha già vietato il servizio di consegna. Per quanto riguarda gli infortuni Uber Eats offre un'assicurazione gratuita ai corrieri. Secondo la trasmissione "Kassensturz" tuttavia questa assicurazione non è paragonabile all'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni di datori di lavoro.

In merito alla retribuzione, spiega Uber, se le persone non lavorano nelle ore di punta, i salari sono più bassi. La retribuzione dipende dal numero di ordini. Per Uber Eats la flessibilità offerta ai corrieri compenserebbe gli aspetti negativi, ma secondo "Kassensturz" servizi di consegna analoghi offrono la stessa flessibilità, ma comprendono le assicurazioni e le prestazioni sociali.