Una spiaggia a Lugano? Galeazzi, Albertini e Bartolini rilanciano con un'isola

Una spiaggia a Lugano? Galeazzi, Albertini e Bartolini rilanciano con un'isola

Marzo 22, 2019 - 15:07
Posted in:

Presentato oggi da Tiziano Galeazzi, Giovanni Albertini e Max Bartolini "Lugano 2040+", che riunisce progetti e spunti per la Lugano dei prossimi decenni.

Come sarà Lugano fra 20 anni e dopo? Se lo sono chiesti i consiglieri comunali di Lugano, il granconsigliere Tiziano Galeazzi (Udc) e Giovanni Albertini (Ppd), assieme a Max Bartolini (promotore di Lugano Cliff Diving). Lo spunto parte da un video di un città cilena piena di vita visitata da Galeazzi, e dalla constatazione che Lugano è oggi una città un po’ “morta”. Proprio prendendo spunto da quanto si può osservare nelle altre città del mondo sono sorte molte delle proposte per la Lugano 2040+. Quella fornita è una panoramica di quello che potrà essere Lugano nel 2040 e oltre, considerando che rispetto ad altri Comuni in Svizzera e nel mondo Lugano non è a giudizio dei tre al passo con i tempi, nonostante le sue peculiarità siano di valore. Da qui una proposta che tocca un po’ tutti gli aspetti della pianificazione urbana, dalla mobilità, all’arredo urbano, fino ai grandi progetti infrastrutturali che a Lugano sono stati messi in campo, ma tardano ad arrivare. L’idea è quella di consegnare tutto il materiale elaborato al Municipio, in una chiavetta usb da aprire nel 2040, per poi constatare quanto è stato fatto, quanto no e quanto è stato fatto diversamente. Il progetto Lugano 2040+ vuole così essere uno spunto per dare uno slancio all’elaborazione della Lugano del futuro, su cui si chiede all’autorità cittadina di avere una maggiore propositività.
Nel concreto, come detto, si riuniscono progetti già all’ordine del giorno, come il Polo sportivo di Cornaredo e il Polo fieristico-congressuale, a proposte di modifiche delle viabilità cittadina, fino a spunti avveniristici come un “Water Front” sul lago e, addirittura, sempre nelle acque del Ceresio, un’isola artificiale galleggiante.
Sul fronte della mobilità, nel rispetto dei criteri ecologici, ad esempio si auspica che trasporti pubblici siano elettrici, la creazione di park and ride e la realizzazione di una linea di tram circolare che colleghi la pensilina, il polo fieristico o e il polo sportivo, per sgravare la viabilità dal traffico veicolare, o la chiusura al traffico del centro cittadino.
Venendo alle novità, in merito alla riqualifica della zona del Lungolago, i tre alla "Croisette" proposta da Alessio Petralli contrappongono un “Water Front”, ovvero una zona composta da moli, ponti e passerelle galleggianti in riva al lago da destinare allo svago, sull'esempio di quanto fatto in altre città del mondo.
Una proposta riguardante un’eventuale riqualifica del Palazzo dei congressi è invece quella di un mercato con una parte coperta e una all’aperto, con spazi per venditori, bar e ristoranti. Si segue con proposte di riqualifica delle rive del Cassarate sulla scia dei Navigli di Milano, con bar e baretti, con un polo degli sport acquatici al porto, fino alla proposta più “di peso”, ovvero un’isola galleggiante artificiale ed eco sostenibile nel Golfo di Lugano, con bar, ristoranti, zone balneabili: un progetto che potrebbe essere un’attrazione di livello mondiale.