Vecchio Vedeggio, rischio per i cani

Vecchio Vedeggio, rischio per i cani

Agosto 26, 2020 - 18:30
Posted in:

La tratta di fiume ad Agno è stata interessata dalla fioritura di un'alga potenzialmente tossica. Si sconsiglia la balneazione e l'abbeveramento dei cani. 

La balneazione e l’abbeveramento di cani nel Vecchio Vedeggio, ad Agno, è sconsigliato a causa della presenza di un'alga potenzialmente tossica.

Lo comunicano oggi il Dipartimento del territorio e il Municipio di Agno, che spiegano che negli scorsi giorni è stata rilevata, nella tratta terminale del corso d’acqua ad Agno, una importante fioritura di Microcystis aeruginosa. “Si tratta di un’alga azzurra naturalmente presente nel Lago di Lugano in grado di produrre tossine (chiamate microcistine) che possono indurre reazioni allergiche cutanee o sintomi gastrointestinali se presenti in gran numero”, spiega il comunicato. “Le temperature elevate e la scarsità di precipitazioni che hanno caratterizzato questo periodo ne hanno favorito la proliferazione”.

“Le analisi effettuate dall’Istituto scienze della Terra della SUPSI sui campioni raccolti presso le rive lacustri del Comune di Agno e nella tratta finale del Vecchio Vedeggio presentano concentrazioni di microcistine inferiori ai limiti OMS ed EPA, riferiti rispettivamente al consumo in acqua potabile e alla balneazione”, spiega il comunicato. Tuttavia a titolo precauzionale si sconsiglia “la balneazione e l’abbeveramento di cani nel Vecchio Vedeggio, fintanto che non terminerà la fioritura di Microcystis aeruginosa”. L’attesa non dovrebbero essere lunga, visto che “con la diminuzione delle temperature e l’arrivo delle prossime piogge la situazione dovrebbe ritornare alla normalità”. “Per rendere visibili le tratte maggiormente interessate da questa fioritura, il Comune ha già provveduto a delimitare con del nastro alcune tratte del corso d’acqua”, conclude il comunicato.